Toscana Val di Cornia

Soggiorni per le tue vacanze al mare in Toscana in hotel, residence, casa vacanze, appartamenti in affitto, agriturismo.

In più la possibilitá di scegliere una vacanza al mare lungo la Riva degli Etruschi o un soggiorno nell’affascinante entroterra toscano. Protetti dalla tranquillitá del tipico agriturismo in Toscana e della Maremma toscana, respirerete il fascino di una storia antica, il seducente mistero della civiltá etrusca che ancora oggi pervade il territorio, impreziosendo una natura giá di per se meravigliosa.

La Val di Cornia si estende nella provincia di Livorno tra Campiglia Marittima, Suvereto e San Vincenzo. È un territorio ricco di bellezze naturalistiche che si affaccia sul mare e riesce a catturare il visitatore con un mix di tradizioni della Toscana medievale, ma anche con le moderne attrattive del turismo balneare estivo.
La valle è delimitata ad ovest dal mar Tirreno, ad est dai monti della zona di Gerfalco, mentre a nord si ha come confine il comune di San Vincenzo anche se Castagneto Carducci con la sua campagna, per la somiglianza del paesaggio e soprattutto per la storia che lo lega all'area centrale della Cornia, può essere inserito in questo multiforme territorio. Infine a sud il confine è costituito dalle colline che dividono la pianura di Livorno da quella di Grosseto.
Per le sue fertili pianure, i suoi colli e la presenza del mare, la Val di Cornia stata più volte definita il Giardino della Toscana. Questo territorio che si trova all'interno di quello più ampio della Maremma Pisana, prende il nome dal fiume che l'attraversa, la Cornia appunto, fiume originato dai monti di Gerfalco, il quale passando per la Leccia, ove si arricchisce ricevendo acque da altri fossi, passa dal piano di Suvereto per poi entrare nel territorio di Campiglia e successivamente in quello di Piombino dove incontra il mare nel luogo detto Bocca di Cornia.
Un territorio che si è conservato integro nel corso dei secoli. Questi luoghi sono ancora ricoperti per buona parte da boscaglia formata in prevalenza da querce, lecci, tassi libi, tigli, olivastri, folte macchie che offrono l'ambiente ideale al proliferare di diverse specie animali, come cinghiali, caprioli, istrici, tassi, scoiattoli e ghiri.
Questa zona turistica è legata in modo inscindibile alla storia. Qui sono evidenti i segni delle civiltà etrusca e romana, delle invasioni barbariche, della nascita di chiese e castelli feudali. Ogni singola presenza ha lasciato traccia di sé. Non solo grandi e importanti testimonianze come le necropoli etrusche di Baratti e Populonia e la Rocca di San Silvestro a Campiglia Marittima, ma anche le antiche mura delle case dei caratteristici borghi, le vie strette e buie che ancora rispettano l'antico assetto urbanistico di origine medievale, riescono a trasmettere e raccontare la storia passata di questi luoghi sereni, forse un po' malinconici ma allo stesso tempo attuali e vitali.


EVENTI
Durante la stagione, un ricco cartellone di eventi (anche di ottimo livello) alcuni anche fuori stagione estiva..

MARE E SPIAGGIE
La val di cornia offre due "versanti" ai turisti in vacanza, la costa est e la costa ovest. Quest'ultima si estende da san vincenzo a baratti mentre la costa est si estende da Piombino a Follonica, da cui il golfo prende il nome.
Nel mezzo tra i due litorali sabbiosi, una dorsale di scogli raccoglie insenature uniche quali Buca delle Fate, Poggio alle Canne, Spiaggialunga..

NATURA E PARCHI
Tutto il territorio della Val di Cornia è articolato nel sistema dei parchi della Val di Cornia un insieme straordinario di natura, cultura, storia.

ARTE E STORIA
Molte sono le testimonianze del soggiorno di grandi popolazioni sul nostro territorio dagli etruschi ai romani, alle comunità feudali. Piombino vanta una storia millenaria, etruschi, romani, nomi storici quali i Borgia, Appiani, Cosimo De Medici, Boncompagni-Luduvisi...
Nel 1799 le truppe Francesi penetrano in Italia e nel 1805 Napoleone, assegnò il Principato, insieme a Lucca, alla sorella Elisa Bonaparte Baciocchi: nacque cosÌ il Principato di Lucca e Piombino. Dopo il 1815, venne sancita l'annessione del territorio dell'ex-principato al Granducato di Toscana degli Asburgo-Lorena retto da Ferdinando III.

Anche Suvereto ha una storia millenaria, agli abitanti fu concessa la Charta libertatis nel 1200 da parte del conte Ildebrandino VIII degli Aldobrandeschi. Una notevole "conquista" per il tempo, che comportava la facoltà di amministrare giustizia, vendere e comprare terre, di avere una propria milizia.
San vincenzo. la cui storia è decismente più recente, fu teatro nel 1505 della battaglia tra tra fiorentini e pisani. Le milizie fiorentine, comandate dal condottiero Ercole Bentivoglio, sconfissero un esercito di uomini d'arme e di ventura comandato da Bartolomeo d'Alviano e sostenuto dai senesi, accorso in aiuto dei ribelli pisani. L'episodio storico venne immortalato dal Vasari ne "La Sconfitta dei pisani a San Vincenzo", del 1567, particolare dell'affresco del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze, facente parte di un ciclo pittorico sulle gesta della famiglia Medici.
A seguito di ciò le sorti di San Vincenzo seguiranno quelle del Granducato di Toscana fino all'Unità d'Italia.

SAPORI E VINI
I vini prodotti in questa zona sono di elevata qualità, sia bianchi sia rossi. Il territorio, unico per morfologia e clima, permette ottime coltivazioni. I vini della DOC hanno fama internazionale e lungo il territorio si snodano le Strade del Vino, percorsi ad alta vocazione vitivinicola caratterizzati, oltreché da vigneti e cantine da aziende agricole alle quali è possibile far visita per degustazioni dei prodotti, oli, formaggi, verdure, dolci tipici, prodotti biologici...un intero mondo da degustare.

TERME, DIVING, VELA, EQUITAZIONE
A Venturina le terme solfato-calciche-magnesiache-bicarbonate garantiscono ottimi risultati per il benessere. E' possibile fare qualsiasi sport, immersioni, windsur e vela su quasi tutta la costa; andare alla scoperta dei boschi di Montioni, (sulle tracce di Elisa Bonaparte) in mountan bike oppure scegliere tra i percorsi cicloturistici e le ippovie.
Auto usate in Toscana